Teatro a Canone

Vai ai contenuti

Menu principale:

 
 

TORINO
27 Maggio 2018 ore 17.30
Zuppa di sasso  (Prima assoluta)

Molo di Lilith, via Cigliano 7

Debutta a Torino una nuova produzione:

ZUPPA DI SASSO

Con: Anna Fantozzi e Elisa Occhini / Cinzia Laganà
Regia e drammaturgia: Anna Fantozzi e Elisa Occhini
Costruzione pupazzi e scenografia: Anna Fantozzi e Adrian Bruma
Consulenza musicale: Alessandro Sola
Produzione e distribuzione: Teatro a Canone

“Zuppa di sasso” prende spunto dalla fiaba popolare “La zuppa di pietra”, conosciuta in diverse culture, la fiaba è ormai molto nota, soprattutto dopo la versione di Anais Vaugelade per Babalibri.
In una notte di inverno un lupo bussa alla porta di una gallina e le chiede di farlo entrare per scaldarsi al caminetto e preparare la sua zuppa di sasso; la gallina è spaventata ma allo stesso tempo è curiosa e decide di farlo entrare. Il lupo le dice che la zuppa di sasso si prepara mettendo un grande sasso a bollire.

 

PINOCCHIO DAL MAGHREB

Progetto “Al di là del muro” diretto dall’associazione AVP di Ivrea
Regia: Luca Vonella
Costumi, scenografie: Anna Fantozzi
Con: Beata Kalis, Enzo Bertone ed i detenuti della Casa Circondariale di Ivrea.


FATA TURCHINA: Dove sei stato, figlio mio dagli occhi scuri? Dove sei stato, mio caro ragazzo?
PINOCCHIO: Ho inciampato sul fianco di dodici montagne brumose, ho strisciato su sei strade tortuose, sono andato dentro a sette cupe foreste, sono stato davanti a una dozzina di oceani morti, mi sono addentrato per diecimila miglia in una tomba.
FATA TURCHINA: E cosa hai udito figlio mio dagli occhi scuri, cosa hai udito?....

Pinocchio è una fiaba che tutti conosciamo. E’ conosciuta persino in Marocco e in Africa centrale. E’ un patrimonio dell’immaginario collettivo. E’ entusiasmante adattare la favola di Pinocchio al contesto in cui prende nuovamente vita. I testi classici, mutano a seconda dell’essere umano che li “calza” e sono sempre capaci di dirci qualcosa di nuovo. Il Teatro a Canone, con i volontari dell’AVP di Ivrea, ha fatto tutto ciò con i detenuti del carcere di Ivrea grazie al progetto “Al di là del muro”.

 
 


Per entrare sarà necessario inviare copia del documento di identità alla Direzione del carcere o al nostro indirizzo (teatroacanone@teatroacanone.it) entro giovedì 31 maggio.
Vi aspettiamo.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu